01
Tue, Dec

Se ne è andata Giovanna Antolini. Il ricordo di Giuseppe Ciaghi

Tione
Typography

Con la scomparsa di Giovanna Antolini, una persona singolare, amante della natura e del bello, ecologista ante litteram, impegnata, a volte testarda, libera e controcorrente nella Tione perbenista del dopoguerra se ne è andata un’ altra protagonista della storia e della cultura giudicariese, quella del socialismo libertario e un po’ anarcoide che poteva contare su un nutrito gruppo di idealisti e aveva in Ezio Scalfi la punta di diamante.

Ti ricordo sempre indaffarata dietro il banco della storica libreria con le vetrine affacciate sul viale, allora frequentatissima da studenti e appassionati di lettura, con la tipografia nelle stanze interne e Dino a far da collegamento tra le due strutture, attenta, premurosa, disponibile, sempre col sorriso e una vena di allegria; ti ricordo nelle gite con la Sat, nelle prese di posizione contro lo sfruttamento dell’ambiente e contro le ingiustizie, sempre in prima fila, generosa. Non hai mai avuto paura di esporti per difendere le tue idee. Sei stata un esempio per tanti di noi, di correttezza, di caparbietà e di onestà intellettuale. E’ di questo che voglio ringraziarti, ora che te ne sei andata, con l’auspicio che questa tua eredità non vada perduta.