24
Fri, Sep

Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Il Video dei ragazzi dell'Istituto Guetti

Tione
Typography

«Ciao a tutti, siamo la classe 5 scienze umane.

Vorremmo condividere con voi il progetto che abbiamo deciso di realizzare per il 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Abbiamo deciso di creare un video, liberamente ispirato  ai video di Vox “ 9 facts..” e “dear daddy”, cosicché tutti avessimo la possibilità di vederlo e riflettere su questa tematica molto importante.

È un tema che abbiamo molto a cuore e ci premeva creare qualcosa che potesse portare il nostro messaggio a più persone possibili, un messaggio di attenzione ma anche di speranza verso il miglioramento della nostra società e di fiducia verso il genere umano.

Volevamo anche condividere con voi questo piccolo testo, che per noi lancia un messaggio fondamentale:

Violenza non è solo l’abuso sessuale, uno schiaffo o alzare la voce.

Nella maggior parte dei casi opera in forme più sottili:

Quando ti controlla il cellulare, è violenza.

Quando vuole sapere sempre dove sei e con chi sei, è violenza.

Se ti fa sentire stupida, allora è violenza.

Quando non vuoi che coltivi altre amicizie, quella è violenza.

Se ti fa cambiare la gonna perché è troppo corta, è violenza.

Quando ti impedisce di fare quello a cui tieni, è violenza.

Quando ti deride davanti agli altri, è violenza.

 

Chi ama non fa soffrire.

 

 

 

LETTERA “dear daddy:

Caro papà, volevo ringraziarti perché, anche se non sono ancora nata e ancora non ci conosciamo, ti stai già prendendo molta cura di me e sei tanto premuroso con la mamma.

Però, ecco…

Io ho bisogno di chiederti un favore, ti avverto: riguarda i maschi.

Perché, vedi, io nascerò ragazza, il che significa che quando avrò 14 anni forse i miei compagni di classe mi avranno già chiamata puttana, stronza, figa e molte altre cose un sacco di volte; lo fanno solo per divertimento, ovviamente, è qualcosa che fanno spesso i ragazzi, probabilmente hai fatto lo stesso anche tu quando eri giovane, cercando di stupire alcuni dei tuoi amici. Sono sicura che non lo intendevi davvero, ma nonostante ciò alcuni non capiranno che quella era solo una battuta…

Poi quando avrò compiuto 16 anni magari qualche ragazzo mi infilerà le mani nei pantaloni approfittando che io sia ubriaca e che non riesca a stare dritta e anche se dirò di no, loro rideranno e basta... è divertente, vero? Se mi vedessi papà ti vergogneresti così tanto…

Sai ogni quindici minuti una donna è vittima di violenza… sono così distrutta...

Non c'è da stupirsi poi se sarò violentata a 21 anni mentre torno a casa in un taxi guidato dal figlio di quel tuo amico con cui andavi a nuotare ogni mercoledì… proprio il ragazzo che raccontava sempre barzellette offensive, ma ovviamente erano solo barzellette quindi tu, ridevi…

Se solo avessi saputo che suo figlio avrebbe finito per violentarmi, gli avresti detto di darsi una calmata, ma come avresti potuto saperlo? Era solo un ragazzo che raccontava barzellette strane e in ogni caso, non erano affari tuoi... Lui stava solo cercando di essere divertente, ma suo figlio cresciuto con queste battute è diventato affari miei…

Poi finalmente ho incontrato il Mister Perfect, e tu papà sei così felice per me perché lui mi adora davvero ed è intelligente con un ottimo lavoro e per tutto l'inverno va a fare sci di fondo tre volte a settimana, proprio come fai tu!!

Ma un giorno smette di essere Mr Perfect e non so davvero il perché, un attimo, sto esagerando? Beh, una cosa è sicura, io non sono il tipo da vittima, sono stata cresciuta per essere una donna forte e indipendente.

Ma una sera diventa tutto troppo per lui, con il lavoro, tutte le tasse, il matrimonio che si avvicina sempre di più… e poi mi chiama puttana, proprio come tu una volta avevi chiamato quella ragazza alle scuole medie….

Nel 2018 circa 379 milioni di donne nel mondo hanno subito violenze fisiche e/o sessuali da parte dal partner. Nei paesi colpiti da un conflitto le percentuali sono più alte della media.

 

Non so cosa ho fatto di sbagliato ma un giorno mi tira persino uno schiaffo… forse è colpa mia, sono davvero esagerata, a volte posso essere davvero una stronza… Ma noi rimaniamo la migliore coppia del mondo, vero? Io sono così confusa, perché lo amo, lo odio, lo amo…

Un giorno poi quasi mi uccide, tutto diventa nero, non mi sento più fortunata anche se ho un dottorato di ricerca, un lavoro meraviglioso, tanti amici, una famiglia che mi ama…. Ha spento la luce che un tempo faceva brillare i miei occhi, ha soffocato la mia allegria, ha calpestato la mia dignità. Con lui sognavo un amore da favola, mai avrei pensato che si sarebbe potuto trasformare in un incubo.

Circa 379 milioni di donne nel mondo hanno subito violenze fisiche e o sessuali da parte del partner.

Caro papà, questo è il favore che voglio chiederti… una cosa tira sempre l’altra, una donna su tre nel mondo è vittima di violenza. Ti prego fermala ancor prima che possa iniziare: non lasciare che mio fratello chiami le altre ragazze “puttane”, perché non lo sono e magari un giorno qualche bimbo potrebbe pensare che sia vero…

Non accettare scherzi offensivi fatti da strani ragazzi appena conosciuti, ma neanche da amici…. Perché dietro ad ogni scherzo c’è sempre nascosta della verità.

Caro papà, lo so che tu mi proteggerai da leoni, tigri, pistole, macchine senza nemmeno pensare al pericolo per la tua stessa vita; ma, caro papà, io nascerò ragazza: per piacere, fai tutto quello che puoi perché questo non resti il pericolo più grande di tutti.