25
Sat, Jun

In ricordo di Bianca Truppia, professoressa di lettere alla Scuola Media di Tione

Tione
Typography

 

TIONE. Bianca Truppia, professoressa di lettere nella Scuola Media di Tione fino alla fine degli anni ’80, si è spenta all’età di 88 anni nella sua casa a Tione. Generazioni di giudicariesi l’hanno avuta come insegnante. Il funerale è stato celebrato, nell’arcipretale di Tione, martedì 17 maggio da don Michele.

 

 

Erano gli anni del boom economico, i famosi anni ’60! Una giovane insegnante del sud Bianca dalla Sicilia, era nata a Piazza Armerina (Enna), arriva in Trentino, dopo la laurea in ‘lettere moderne’ conseguita il 5 luglio del 1960 a Catania. Fresca di laurea inizia già nel settembre di quell’anno il suo primo insegnamento all’Avviamento Commerciale, successivamente diventa docente di lettere nella Scuola Media a Tione, poi per un periodo – dal 1966 al 1968 insegnante alle elementari di Pelugo in Val Rendena, quindi per un paio d’anni maestra di ruolo a Cimego in Val del Chiese.

Infine dagli anni ’70 ottiene il ruolo nel ’75 ed è insegnante di lettere alla Scuola Media “Legione Trentina” di Tione, dove insegnerà fino alla pensione.

 

Molti la ricordano come un’insegnante capace e al tempo stesso severa e intraprendente. Dimostrava grande apertura nelle sue attività didattiche e con gli alunni cercava sempre di approfondire le conoscenze documentandosi molto. La sua maggior passione era la lettura che faceva molto veloce, il confronto con i testi canonici – di latino e greco - e quelli di uso scolastico per lei era una ‘passeggiata’. Sempre molto attenta alle forme di didattica che negli anni ha dovuto affrontare per i numerosi cambi di programmazioni ministeriali, la “Bianca” era in prima fila quando si trattava di organizzare uscite didattiche. Lei fu tra le prime insegnanti a organizzare la “Gite scolastiche” con professionalità e tanta, tanta passione. I suoi alunni ancor prima di partire per un’uscita didattica avevano già avuto molteplici indicazioni chiare e ponderate su che cosa avrebbero visitato. Chi scrive, è stato per molti anni anche, collega nei vari Consigli di Classe dove lei presiedeva le riunioni. Da ricordare l’appuntamento annuale con il “Proscuola” di Verona, una data fissa nel ‘suo’ calendario scolastico che preparava con perizia certosina e dove gli alunni avevano scambi con altre realtà scolastiche. Le molte uscite d’Orientamento scolastico – con i suoi studenti di terza media – l’hanno sempre vista disponibile e premurosa per permettere alle giovani generazioni di avere la possibilità – conoscendo le diverse realtà lavorative – di una panoramica delle diverse professioni. Amava molto anche il rapporto diretto con professionisti di vario tipo, che invitava in classe a parlare con gli alunni: dal direttore del Giornale Alto Adige al fotoamatore evoluto, tra i quali va ricordato il compianto Aldo Bernardi nativo di Tione, o la regista Gabriella Scalfi di Saone (autrice de “La sciarpa della sposa”), con la quale si sono fatti anche degli stages di ‘dizione’. Insomma Bianca è stata una grande insegnante e con lei se ne va un pezzo di storia socio-scolastica non indifferente!

 

Ora la piangono in molti – i figli Mariagiovanna con Maurizio, Marcello con Fiorella e Flavio con Sara, gli amati nipoti Riccardo, Alice, Asia, Federico, Alessio, il fratello Mario con Lilla, i nipoti e le nipoti nonché amici, amiche ed estimatori. Dal necrologio infatti si legge inoltre che un ringraziamento particolare va alla dott.ssa Alessandra Romeri e agli amici Livio e Berta per il costante supporto.