24
Sun, Mar

Incendio di Tione, il giorno dopo. Quattro famiglie evacuate e ingenti i danni

Tione
Typography

Il giorno dopo il rogo a Tione sembra tornata la calma, ma ancora ieri notte sopra il borgo giudicariese si addensava una nuvola di fumo, e per le strade l'odore acre testimoniava le dimensioni e la forza dell'incendio che ieri sera ha distrutto due stabili nel rione di Cantes-Saline.

Il fuoco è partito, pare a causa del malfunzionamento di una stufa (ma su questo i Vigili del fuoco volontari di Tione, vigili del fuoco del gruppo permanente di Trento e carabinieri stanno ancora facendo accertamenti) verso le 17.50 da una casa in via dei Monti; rapidamente ha colpito il tetto e sottotetto, interamente in legno, propagandosi poi ad uno stabile adiacente.

 

Solo il pronto intervento dei Vigili del fuoco volontari di Tione, di Zuclo e Bolbeno e di Villa Rendena ha impedito che raggiungesse un terzo stabile, e si propagasse ulteriormente; da subito è emersa l'imponenza dell'incendio, che infatti è stato domato definitivamente solo dopo alcune ore di intenso lavoro da parte dei pompieri, dopo le 20. Intenso il lavoro dei volontari, che hanno poi messo in sicurezza gli edifici adiacenti. Ingenti i danni alle cose, mentre fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Il bilancio è di quattro famiglie evacuate, che hanno trovato ospitalità grazie all'amministrazione comunale di Tione; una è stata ospitata da parenti, tre di loro hanno pernottato all'Hotel Milano.

 

Sul posto durante l'intervento il sindaco reggente di Tione, Eugenio Antolini, che ha poi firmato l'ordinanza di inagibilità degli appartamenti interessati dal rogo.