19
Fri, Jul

La Banda Sociale di Tione compie 170 anni. Grande festa con una mostra fotografica diffusa per un traguardo importante 

Tione
Typography

La Banda Sociale di Tione compie 170 anni e per dirla in maniera un po’ desueta sono ben 34 lustri di attività concertistica. L’anno di nascita ufficiale è infatti il 1849. Per festeggiare un traguardo così importante e significativo si è pensato di coinvolgere l’intera cittadinanza della borgata tionese con l’allestimento di una Mostra Fotografica ‘diffusa’ ossia l’esposizione nelle vetrine, di tutte le realtà commerciali, di fotografie storiche della Banda Sociale. È stato anche coniato un simpatico logo dell’anniversario di questi 170 anni.

La carrellata di immagini, in bianco e nero le prime, fino ad arrivare a quelle a colori dagli anni ’70 in poi, è visibile a tutti, basta osservare, passeggiando lungo il viale principale, i vari allestimenti che i negozianti di ben 90 botteghe hanno predisposto per tutto il mese di maggio.

La rassegna fotografica si chiuderà il 1° di giugno, per quella data appunto, gli organizzatori hanno predisposto un Concerto storico che avrà luogo al Teatro Comunale, in via Roma, con inizio alle ore 20.45.

Oltre un secolo e mezzo di storia attraversato dalla Banda, un gruppo di suonatori con strumenti quali gli ottoni: dalla tromba al trombone, le ance: clarinetti e saxofoni, tamburi, piatti e la gran cassa. Negli anni si sono succeduti decine e decine di tionesi che con la passione per la musica hanno saputo creare un sodalizio dove l’impegno per le serate – dopo il lavoro – passate a solfeggiare, prima e a suonare poi, negli scantinati del palazzo un tempo dove c’era la Scuola Elementare di fronte all’attuale Municipio.

Ora la sede della Banda Sociale, rinnovata e molto più ampia si trova all’ultimo piano (mansardato) dello stesso palazzo.

Tanti cittadini, che hanno saputo donare il proprio tempo libero per concerti in varie occasioni: sagra di San Vittore, purtroppo anche in occasioni di funerali, o eventi di carattere comunale e sovraccomunale, nelle passate edizioni dei “Concertoni” nelle diverse zone delle Giudicarie e non solo. 

Ma torniamo alla storia. Quando si costituì il sodalizio bandistico? Ebbene spulciando fra i documenti d’epoca troviamo che la prima Banda di cui abbiamo memoria è grazie a un manoscritto di Guido Boni, “…la nascita della Banda di Tione sia anteriore al 1848, successivamente venne sciolta per i moti politici di quell’anno”. Si legge ancora: “… che, dopo aver festeggiato l’arrivo dei Corpi Franchi Lombardi l’11 aprile di quell’anno fortunoso, venne travolta dagli avvenimenti”.

L’anno successivo, nel 1849, il nuovo imperatore asburgico Francesco Giuseppe, salito al trono il 2 dicembre 1848 all’età di diciotto anni, emanava la rimasta famosa ‘patente’ del 4 marzo 1849 intesa a garantire l’esercizio del diritto di libera associazione e riunione (…) coi riguardi dovuti all’interesse dell’ordine pubblico e di preservare i cittadini dello stato da ogni pregiudizio”.

L’atto ufficiale costitutivo non è mai stato possibile rintracciarlo, ma sulla scorta delle testimonianze e delle considerazioni si valuta il 1849 l’anno fatidico della sua costituzione.

Negli anni, abbiamo accennato, si sono succeduti decine e decine di cittadini, naturalmente non dobbiamo dimenticare i dirigenti, o meglio i cosiddetti “Maestri di Musica” che nel corso di questi decenni hanno diretto con la ‘fatidica’ bacchetta i bandisti.

A venirci in aiuto in questo non facile compito di ricerca dei maestri di banda è unicamente lo storico tionese Guido Boni. Il primo maestro (1857) è … certo Zanetti, cancelli sta alla Pretura di Tione, da un documento del 18 luglio 1886 è ‘istruttore’ un certo Luigi Allimann di anni 24, oriundo francese. Nel 1889 si ebbe la rinascita della Banda che venne diretta dal signor Giuseppe Sacher, maestro di posta in Tione. Succedette poi il signor Antonio Notaris di Porto Valtravaglia, un maestro che veniva dal varesotto. Nel 1899 venne a Tione  causalmente certo Antonio Toffoletto, goriziano. A Toffoletto subentrò Carlo Tagliabue e siamo nel 1900. Quindi a dirigere nel 1906 e il signor Martinello di Trento e ancora – per breve periodo – Francesco Bailo, che muore nel 1912, in un primo momento lo sostituisce il nipote Giuseppe Salvaterra dopodiché è la volta di Innocente Bonomi nel 1919. Nel 1920 la direzione della Banda è in mano a Dario Pellegrini (allievo del maestro Tagliabue). A questo punto è la volta di un periodo di maestri “improvvisati” che poi lasciano il posto ad Albino Marchetti di Bolbeno, valido clarinettista e persona di provata capacità musicale. Dopo un periodo poco felice, per diverse traversie, si  propose a dirigere la Banda il prof. Emidio Carulli, venuto da Trento, musicista di indubbie doti di docente e di direttore. Ci fu poi – negli anni ’60 - Guido Dapreda di Condino, discendente di una famiglia di musicisti e nel 1965 si propose di affidare le redini della Banda al nostro concittadino Vittorio Molinari, buon suonatore di flicorno cantabile, rimase fino al 1990. Il maestro Molinari passò la ‘bacchetta’ a Nicola Benaglia (1990-1996), altro giovane tionese e nel 1996 a dirigere sarà un altro giovane e nuovo maestro, diplomato in clarinetto: Luca Rosa (1996-2005), tionese, poi subentra Armando Molinari anche lui di Tione (2005-2010), quindi Alessio Tasin (2010-2019). E siano al 2019 e a dirigere la Banda è ora il maestro Simone Serafini di Villa Banale. Il suo esordio l’ha fatto proprio in occasione della prima uscita della Banda Sociale nella giornata del 1° maggio.

Oggi la Banda Sociale di Tione è composta da ben 48 bandisti, molti dei quali donne, che settimanalmente si ritrovano per la ormai tradizionale serata di “prove”, comunemente chiamata “Scuola di Banda”, per la preparazione di musiche per Banda che diventano poi repertorio dei numerosi concerti che annualmente tiene per i tionesi e per i turisti durante la stagione estiva possono godere di un sempre rinnovato repertorio bandistico. Infine il presidente Mario Salvaterra desidera ringraziare quanti – in questo periodo – hanno dimostrato interesse collaborando per la migliore riuscita di questo importante traguardo. Appuntamento per tutti lungo il viale principale della borgata e al Concerto Storico del 1° giugno. Auguri Banda!