10
Mon, Aug

Nuovo consiglio di amministrazione all'APT Terme di Comano Dolomiti di Brenta: 7 i nuovi rappresentanti e 8 le riconferme

Esteriori
Typography

 

03 luglio 2020_ Si è svolta ieri, a distanza, l’assemblea dei soci dell’APT Terme di Comano Dolomiti di Brenta. La società cooperativa ha scelto la modalità con rappresentante designato per portare a termine le procedure di approvazione del bilancio e per il rinnovo delle cariche sociali.

Siamo costretti a stare distanti, quando la situazione di addio e distacco vorrebbe strette di mano, abbracci, auguri, ringraziamenti, guardandosi negli occhi con la trasparenza della sincerità di uno sguardo” ha esordito Iva Berasi nel suo discorso di commiato ai soci.

Lascia Berasi dopo nove anni intensi, durante i quali il turismo locale ha vissuto un’importante trasformazione, crescendo sul fronte della vacanza nelle diverse motivazioni, complementari al tradizionale turismo termale. L’APT si è fatta apprezzare per le capacità organizzative, dimostrate ospitando ben tre edizioni dei Campionati Italiani di Ciclismo Giovanile, un Campionato Europeo ed uno Mondiale di pesca a mosca. Iva Berasi ha ricordato il grande lavoro compiuto sul prodotto oltre che nella promozione e nel supporto agli operatori, veri protagonisti della proposta turistica di una destinazione.

Ha ringraziato lo staff “preparato, disponibile e con un grande senso di appartenenza aziendale”, l’ecomuseo “una grande risorsa per il territorio per la qualità dell’operare e il senso istituzionale”, il mondo del volontariato “insieme hanno permesso l’organizzazione di tanti eventi”, le Terme, le Amministrazioni Comunali e i molti giovani e le donne che hanno deciso di rimanere in zona, valorizzando con il loro impegno gli aspetti più particolari di questa valle.

Affinché non si pensi, come qualcuno mi ha fatto notare – ha detto ancora Iva Berasi - che ho abbandonato l’APT in questa fase particolarmente delicata di cambiamento, ritengo importante chiarire ai soci, che ho dato la mia disponibilità per portare a termine il percorso della riforma che si concluderà alla fine dell’anno. Mi sono proposta quale rappresentante del mondo della cooperazione, che rappresento a livello provinciale e nazionale, ma, pur non mettendo in discussione la competenza della persona è prevalsa la necessità di rinnovamento e le cooperative della valle hanno fatto una scelta diversa”.

Il dott. Gabriele Barichello, rappesentante designato, ha esposto ai soci i risultati delle votazioni delineando la composizione del nuovo CdA che risulta così composto: Elena Andreolli (azienda termale) – Tanja Guetti, Alberto Bosetti e Alessandro Alimena (albergatori), Rino Rocca (datori di alloggio), Cristian Rossi (pubblici esercizi), Samuel Dalfior (pro loco e associazionismo), Carmela Bresciani (ecomuseo), Maurizio Corradi (artigiani, aziende agricole), Omar Bernardi (cooperazione). Per i posti non legate alle categorie, sono stati eletti Susanna Serafini con 32 preferenze e Paolo Serafini (30 preferenze). Il consiglio si completa con i rappresentanti nominati dai Comuni: Fabio Zambotti per Comano Terme, Alberto Iori per Bleggio Superiore/Fiavè e Rudy Margonari per San Lorenzo Dorsino/Stenico.

Il Consiglio eleggerà, nella sua prima seduta fissata per giovedì 16 luglio, presidente e vicepresidente, che avranno il delicato compito di gestire l’applicazione della riforma del settore che l’assessore Failoni porterà in aula ad agosto.

L’assemblea ha anche accolto la proposta di riduzione delle quote in conto esercizio formulata dal Consiglio di Amministrazione per andare incontro agli operatori in questo momento di difficoltà. Approvato anche il bilancio 2019 che chiude in sostanziale pareggio, come è giusto che sia in un’azienda per il turismo.