13
Thu, Aug

Torna, domani sabato 18 gennaio a Pinzolo, la Madonna di Campiglio-Pinzolo Vertical Up, avvincente sfida alla verticalità con i migliori skyrunner e scialpinisti dell'arco alpino che affronteranno dal basso verso l'alto la Tulot Audi quattro, pista famosa per la pendenza da brivido che tocca una percentuale del 69%. Ed è proprio per l'importante occasione che le Funivie di Pinzolo hanno svolto un impegnativo lavoro di innevamento della pista che si presenta per la prima volta sul palcoscenico della stagione invernale in corso. Sempre sabato, contemporaneamente all'originale competizione, i tracciati del Doss del Sabion saranno il teatro del seguitissimo raduno per sci alpinismo e ciaspole "Toni Masè".  

Ultime ore di attesa per l'evento sportivo più atteso dell'inverno a Pinzolo e ultime ore di lavoro per il team dell'Alpin Go Val Rendena guidato dal presidente Matteo Campigotto che sta mettendo a punto gli ultimi dettagli della gara sempre molto attesa e partecipata.

Alle 15.00 di domani, in località Tulot, inizierà la distribuzione dei pettorali mentre dalle 17.00 aprirà la telecabina che sarà accessibile gratuitamente ai partecipanti del raduno "Toni Masè" con sci d'alpinismo e ciaspole, ma anche agli spettatori senza sci che a Malga Cioca vorranno attendere e tifare gli atleti iscritti alla gara sulla Tulot Audi quattro.

Ci sarà anche la possibilità di seguire la competizione dal paese perché in piazza San Giacomo, al Vertical Up Village, sarà trasmessa la diretta streaming della gara accompagnata e preceduta da dj set (dalle 17.00). Il raduno con le ciaspole partirà alle 17.30 da malga Cioca, quello con gli sci d'alpinismo dallo stesso luogo, ma alle 18.00. Dopo pochi minuti, allo scoccare delle 18.10, da località Tulot sarà invece dato il via alle classi "speed" e "rucksack" della Vertical Up con l'arrivo del primo concorrente a malga Cioca previsto alle 18.40. Basterà infatti mezz'ora, poco più o poco meno, affinché gli atleti più veloci taglino il traguardo dopo aver affrontato gli arditi muri della pista.

Alle 19.00, a malga Cioca, vin brulè ed estrazione tra tutti gli spettatori presenti di un "super premio". Dopo la cena distribuita nei rifugi Doss del Sabion, Prà Rodont e Palazzetto dello Sport di Carisolo, alle 22.00 inizierà la consueta premiazione presso il Paladolomiti di Pinzolo.

La "Vertical Up di Pinzolo" è organizzata dall'Alpin Go Val Rendena in collaborazione con le Funivie di Pinzolo e l'Azienda per il Turismo Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena.

Iscrizioni ancora aperte sul sito www.alpingovalrendena.it.

Una stagione incredibile per lo sci, iniziata nel migliore dei modi con neve abbondante già da metà novembre. 

Dopo un sant'Ambrogio un po' sottotono dettato dal calendario che di fatto non prevedeva alcun ponte, in queste vacanze natalizie i numeri per Funivie Pinzolo (e non solo) sono stati eccezionali.

Moltissime le giornate da record con 6-7mila primi ingressi, sia dopo Santo Stefano che nei primi giorni del 2020. Ma numeri incredibili si sono avuti già prima di Natale di solito un periodo un po' sottotono. Complice anche il meteo che ha regalato bellissime giornate agli amanti dello sci per tutto il periodo natalizio, sono giunti in Val Rendena una quantità di appassionati della neve come forse non si era mai visto.

Sopra: La conca di Grual, Foto Bisti

Sotto: Il nuovo laghetto artificiale per l'innevamento.

Unica nota stonata il problema dei parcheggi. In questi giorni di sovraffollamento è emerso chiaramente la difficoltà per Pinzolo (ma non solo) di soddisfare la grande richiesta di posti auto. Un tema al quale gli amministratori dovranno pensare per cercare delle, non facili, soluzioni.

 

 

È sorta con una rapidità incredibile, vicino al Cimitero di Pinzolo appena prima delle festività del Santo Natale. Qualcuno inizialmente, forse ingannato dal periodo, pensava potesse essere una bellissima capanna per ospitare una natività. Si è dovuto presto ricredere. All’interno di quella bella costruzione in legno, poggiata su 9 blocchi di granito su basamento di cemento, con ampia vetrata, in via Bolognini,  dirimpetto alla stazione di partenza della Cabinovia Pinzolo-Pra Rodont, si vendono “Lezioni di Sci”.

Un’opera realizzata, senza autorizzazione edilizia, con una semplice comunicazione per “Opere libere” da Isidoro Pedretti proprietario, da quest’estate, della particella 1327, sfruttando la Legge provinciale del 4 agosto 2015, N 15 per le  «opere precarie facilmente rimovibili e destinate a soddisfare esigenze improrogabili e temporanee».  Quale possa essere l’”esigenza improrogabile” di questa realizzazione però non è dato a sapere.

Nella relazione descrittiva delle opere fornita da Pedretti non sembra esserci  traccia di questa “esigenza improrogabile”: «Si intende collocare temporaneamente una struttura prefabbricata, facilmente rimovibile, al fine di agevolare lo svolgimento di attività correlate alla promozione e all’offerta di servizi connessi al settore turistico». Sopra la casetta prefabbricata campeggia a caratteri cubitali “LEZIONI DI SCI”.  Sicuramente non è data dalla necessità di portare questo servizio a Pinzolo. I maestri di sci sono già presenti da quando sono nati gli impianti e la Scuola Italiana Sci Pinzolo (a pochi passi dal prefabbricato) da quasi 40 anni è a disposizione di chi vuol imparare a sciare.  Non si avverte dunque nessuna necessità tale da rendere improrogabile tale attività.

Tornando ai fatti, si sa invece che l’inizio dei lavori di tale opera è avvenuto senza la comunicazione necessaria  in Comune;  che c’è stata una segnalazione al Comune di Pinzolo;  che la Polizia locale, dopo una verifica, ha verbalizzato l’assenza di atto autorizzativo e quindi sanzionato Isidoro Pedretti con una multa di 500 euro.

Si sa anche che il Comune di Pinzolo ha chiesto come garanzia per il ripristino del luogo, essendo l’opera a  carattere temporaneo (due anni) una cauzione di 2000 euro. Cauzione già versata il 25 novembre 2019 da Snowsport SRL. Coincidenza vuole che la richiesta di accesso agli atti per verificare le autorizzazioni depositata in comune sia datata 25 novembre 2019.  La comunicazione opere libere presentata da Pedretti porta la data del 26 novembre ed è stata protocollata il 27 novembre cioè il giorno dopo il versamento della cauzione.

Detto  questo rimane il nodo principale da chiarire: come è possibile che un’opera come quella costruita sia accettata come improrogabile?  Il regolamento attuativo urbanistico della Legge per il governo del territorio 2015 emesso con Decreto del Presidente della Provincia il 19 maggio 2017 non riesce a rispondere a questo quesito ma indica quali possono essere le opere precarie: «Possono consistere in tettoie, chioschi e altre strutture prefabbricate di limitate dimensioni aventi carattere di reversibilità, per esercitare attività commerciali di vicinato, piccole attività artigianali, la somministrazione di pasti e bevande e la vendita di giornali e sono realizzate e mantenute nel rispetto del decoro urbanistico e paesaggistico».

Nella fattispecie è da capire se la vendita delle Lezioni di sci rientri in queste tipologie o se essendo legata ad un ordine professionale non possa essere attuata.

Il rischio è che sia visto come un precedente che apra la strada ad altre iniziative simili. Potrebbe scaturirne una vera giungla.

Ma dal comune precisano:  «Ci sono già molti altri esempi di opere precarie nel territorio del comune di Pinzolo, soprattutto nella frazione di Madonna di Campiglio». Una situazione che forse dovrebbe essere normata con un regolamento comunale per sgomberare il campo da qualsiasi dubbio.

Cari concittadini di Pinzolo, Sant’Antonio di Mavignola e Madonna di Campiglio, pochi mesi ci separano ormai dalla fine della consiliatura iniziata a maggio 2015. Sono stati cinque anni molto intensi, vissuti in modo frenetico e che lasceranno sicuramente un segno indelebile nella mia vita. Oltre ai tantissimi ricordi belli ne annovero, purtroppo, anche qualcuno meno piacevole. Su tutti spicca l'allontanamento forzato dal mio amato paese per alcuni giorni la scorsa primavera. In questa tristissima esperienza mi hanno molto aiutato la vicinanza di familiari ed amici e la solidarietà di tantissimi concittadini. A loro rivolgo un grazie di cuore perché, nei momenti in cui ogni cosa sembra andare storta, sapere che puoi contare sul sostegno della "tua gente" è veramente di importanza capitale!

Gli accadimenti giudiziari di quest'ultimo anno hanno ovviamente provocato un rallentamento dell'intera macchina burocratica comunale ma, ciò nonostante, l'azione amministrativa è proseguita.

L'attuale maggioranza ha sostanzialmente portato a termine l'ambizioso programma elettorale che si era data nel 2015 ed ha affrontato in tempi brevi anche i problemi creati dalla tempesta Vaia.

Del programma di governo facevano parte anche tre grandi opere che, qualora si fossero concretizzate, avrebbero fatto compiere alle nostre comunità un significativo passo in avanti; la loro realizzazione, però, non dipendeva solo dalla nostra volontà ma anche da enti terzi.

Vediamo a che punto sono.

La circonvallazione di Pinzolo, dopo anni di continuo confronto con la Provincia, sembra aver ricevuto di recente un nuovo impulso tanto che a gennaio dovremmo avere un quadro più preciso sui tempi in cui i lavori saranno appaltati. Dalla Giunta Provinciale ho ricevuto ampie rassicurazioni sul fatto che l'opera è ritenuta prioritaria. Forse, dopo una lunga attesa, riusciremo finalmente a liberare il centro di Pinzolo dal traffico, creando le condizioni per una migliore vivibilità del paese a beneficio di residenti e turisti.

A Mavignola, grazie all’intervento di Trentino Sviluppo spa, abbiamo eliminato le barriere architettoniche della stazione funiviaria di Plaza e per l'autunno del 2020 si procederà al taglio di alcuni lotti di legname per far spazio alla nuova pista Puza dai Fo’ - Plaza. Queste iniziative garantiranno, ne sono sicuro, una maggiore vivacità a livello turistico per la frazione di Mavignola.

Si concluderà invece in primavera l'iter progettuale e autorizzatorio del centro acquatico di Madonna di Campiglio i cui lavori potranno essere appaltati in autunno, visto il completo finanziamento dell'opera a bilancio.

Penso sia chiaro ad ognuno di voi che non avremmo raggiunto gli obiettivi prefissati se non ci fosse stata una piena collaborazione da parte dell'intera struttura comunale e di una maggioranza dinamica e coesa. Un sincero ringraziamento va quindi a tutti i dipendenti (anche ai molti che, in questi cinque anni, hanno raggiunto il traguardo della pensione), ad Assessori e Consiglieri di maggioranza che non mi hanno fatto mai mancare il loro prezioso apporto di idee ed energie. Un grazie particolare e veramente sentito lo rivolgo anche alle associazioni del variegato mondo del volontariato e alle forze dell’ordine che, in sinergia con l’Amministrazione Comunale, hanno consentito il regolare svolgimento delle moltissime manifestazioni che punteggiano l’intero calendario.

Il 3 maggio 2020 si svolgeranno le prossime elezioni comunali e ben presto, quindi, sapremo i nomi dei candidati alla carica di Sindaco e delle relative liste di supporto.

Ad oggi è impossibile fare qualsiasi previsione sia sul numero dei candidati che si contenderanno la poltrona di primo cittadino sia sui loro nomi perché, questa fase preelettorale, è sempre caratterizzata dall’incertezza. Visto il calore e l’affetto che le nostre tre comunità mi hanno sempre dimostrato, anch’io sto valutando, insieme ai gruppi che mi hanno sostenuto, se candidare nuovamente. La certezza ce l’avrò solo a gennaio, quando saprò se si coaguleranno attorno a me una o più liste di persone valide e capaci, in grado di garantire a Pinzolo altri cinque anni di buona amministrazione.

Approfitto come sempre di questo strumento virtuale, vista l’impossibilità di farlo personalmente, per augurare a tutti voi e ai moltissimi ospiti che ci onoreranno della loro presenza in questi giorni di festa un Natale sereno e un 2020 ricco di soddisfazioni.

Buone feste a tutti!

 

Il Vostro Sindaco Michele Cereghini

More Articles ...