02
Mon, Aug

L'attesa opera, realizzata dal Comune di Pinzolo e risultato di un innovativo progetto di ingegneria, arricchisce di una nuova attrattiva l'area "Pineta". Alle ore 10.00 di domani (sabato 8 agosto), alla vigilia delle settimane più importanti della stagione estiva, si aprono i "cancelli".

PINZOLO - Più di un lago! Un Biolago di nuova realizzazione perfettamente inserito nel verde dell'area "Pineta", la zona sportiva multiservizi e parco giochi per bambini, fiore all'occhiello dell'offerta turistica estiva di Pinzolo. Desiderato, atteso, risultato di un innovativo progetto di ingegneria che unisce tecnologia e ambiente, aprirà al pubblico domani 8 agosto.

Ideato e voluto dal Comune di Pinzolo e realizzato su progetto firmato da un pool di tecnici coordinato dall'ingegnere Giuseppe Pellegri, la struttura dà un nuovo e importante valore aggiunto all'area della "Pineta", in termini di servizi per gli ospiti e valorizzazione del paesaggio.

 

I dati tecnici e la tecnologia.

Il Biolago, situato in una zona di 6.000 metri quadrati, ha una superficie balneabile di 3.200 metri quadrati all'interno della quale è compresa anche una piscina per bambini di 100 metri quadrati con un'altezza massima di 45 centimetri. Può contenere fino a poco meno di 5.000 metri cubi di acqua e raggiunge un'altezza massima di 3,5 metri. La sua caratteristica principale è la depurazione naturale dell'acqua attraverso l'inserimento di specifiche aree di fitodepurazione con piante integrate ad impianti che garantiscono l'acqua pulita attraverso l'impiego di altri materiali naturali tra i quali diverse tipologie di argilla. Infine, l'ultima fase del processo di purificazione è garantita dai raggi ultravioletti. Ci sono più punti di immissione dell'acqua che ne assicurano il ricircolo. Inoltre, il fatto che non ci sia alcun torrente né in entrata né in uscita, al contrario dei laghi naturali, fa in modo che l'acqua, filtrata e depurata naturalmente, sia più calda e abbia una carica batterica minore.

Una serie di pontili dai quali è possibile tuffarsi impreziosisce il Biolago mentre una palazzina dei servizi, con docce e acqua riscaldata da un sistema solare termico, gli spogliatoi e l'infermeria, completa il tutto. Alcune docce, riscaldate direttamente dalla luce solare, si incontrano qua e là attorno al lago.

Ad integrazione della normale fornitura di energia elettrica è previsto un impianto fotovoltaico.

Alla costruzione del Biolago hanno lavorato diverse imprese tra le quali la ditta Salvadori Felice di Bagolino che ha eseguito i lavori strutturali. La gestione è stata affidata alla Cooperativa sociale Lavoro di Borgo Lares.

Il Biolago è dotato di un sistema di videosorveglianza e verso località "Pineta", in via Miliani, il Comune di Pinzolo ha predisposto 45 nuovi posti auto.

L'accesso al pubblico.

Il Biolago sarà aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00. Non sarà necessaria la prenotazione, ma ci sarà la possibilità che gli ingressi possano essere interrotti una volta raggiunta la capienza massima. Nell'eventualità di sopraggiunto maltempo, lo Staff si riserva di valutare la chiusura e l'uscita dei clienti dall'area. In tale caso non verrà rimborsato il biglietto d'ingresso.

Le tariffe.

Il biglietto d'ingresso costa 5,00 euro (adulti) e 3,00 euro (bambini sotto i 12 anni). Per i residenti in Val Rendena (da Porte di Rendena a Madonna di Campiglio), che devono identificarsi esibendo la carta d'identità, e i possessori della DoloMeetCard il costo è di 4,00 euro (adulti) mentre per i bambini sotto i 12 anni l'ingresso è gratuito. I minori di anni 18 devono essere accompagnati da almeno 1 adulto. I costi per il noleggio dell'attrezzatura sono i seguenti: sdraio (5,00 euro), armadietto (2,00 euro). (AV)

Foto: Paolo Bisti.

 

PINZOLO. 20.30 di ieri sera, si concludeva l'intervento del soccorso alpino a Pinzolo e con esso una giornata di più aiuti in zona.

 

Secondo quanto appreso, un uomo di circa 70 anni sarebbe scivolato nel bosco di fronte a zona Faè, durante una passeggiata serale. La caduta avrebbe procurato un taglio sul capo e danni a una vertebra; a chiedere aiuto lo stesso uomo, attorno alle ore 19.00. Chiamando il figlio, avrebbe detto di trovarsi nelle vicinanze di mezzi escavatori.

 

Per questo motivo, qualche iniziale incomprensione nel luogo da raggiungere. L'uomo si trovava vicino a Ponte Canale, tra Pinzolo e Mavignola: sul posto la Stazione di Pinzolo e la Guardia di Campiglio; veniva richiesto supporto per l'arrivo dell'equipe medica e l'elicottero. Dopo un primo soccorso e valutazioni, si era infatti deciso di far intervenire il soccorso alpino: il malcapitato è quindi stato elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento.

 

Un secondo intervento in zona per l'elisocorso, questo. In tarda mattinata, infatti, recuperato anche un escursionista ferito nei pressi della cascata Lares in Val Genova. Sul posto la Stazione di Pinzolo che, dopo aver spostato l'uomo in barella per ben 20 minuti, ha permesso di trasferirlo all'ospedale di Tione.

 

 

 

 

 

 

 

 

Tommaso Fini e Marco Di Vaio, rispettivamente team manager e responsabile dello scouting del Bologna, si sono resi protagonisti, nella giornata di ieri, di un gesto che ha salvato la vita ad una donna. A Pinzolo, dove i due rossoblù sono saliti per iniziare a sondare il terreno in vista della fine della stagione, per trovare un luogo adatto al ritiro della squadra di Mihajlovic – la località trentina potrebbe essere la candidata numero uno per ospitare il Bologna – è successo che una signora, in compagnia del marito, si è improvvisamente sentita male, ed è stata salvata dal tempestivo intervento di Fini, che le ha praticato un massaggio cardiaco riuscendo a salvarle la vita, con l’ambulanza che è arrivata di lì a poco, trasportando la donna all'ospedale Santa Chiara di Trento dove è stata dichiarata fuori pericolo. Valutazioni sul ritiro che si sono poi trasformate, per fortuna visto l’esito, in un rapido intervento in soccorso della donna.

Dopo il periodo di lockdown, riparte in Giudicarie la stagione turistica; l'alta Rendena torna a riempirsi di turisti. Per loro e per i residenti, importante il servizio sanitario dell'auto sanitaria, attivo anche quest'anno.

Il servizio sarà fornito a partire dal 04 luglio fino al 06 luglio 2020; prevede la presenza a bordo di un autista soccorritore e di una figura sanitaria specializzata, un infermiere. La sede sarà presso la base operativa del Servizio Trasporto infermi di Pinzolo.

 

Disponibile da lunedì a venerdì, dalle ore 10.00 alle 18.00, e sabato e festivi dalle ore 10.00 alle 20.00, il servizio potrà essere attivato attraverso il numero unico delle emergenze 112. Se necessario, sarà aggiunto l'intervento dell'Ambulanza di Emergenza dei Volontari di Pinzolo.

More Articles ...