29
Mon, Nov

Da Pinzolo a Mantova, un'amicizia che si rinnova ogni anno. L'omaggio alla centenaria Olga Bertasi

Pinzolo
Typography

 

MANTOVA. "Dopo lo scorso anno in cui non era stato possibile ripercorrere la strada intrapresa dai nostri emigranti - scrivono dall'Amministrazione comunale di Pinzolo - quest’anno le delegazioni delle due comunità, seppur ristrette in conseguenza del contingentamento per partecipare alla messa, hanno potuto incontrarsi in occasione della festività di San Martino."

 

 

 

"La messa, celebrata da don Gianluca Leone di Pinzolo e da don Franco Murandi nella chiesa dedicata al santo vescovo di Tours, è stata l’occasione per rinnovare il forte legame tra la nostra comunità e quella di Mantova nel ricordo degli emigranti rendenesi che lasciarono le proprie case alla ricerca di lavoro come segantini, carpentieri, scaricatori a Porto Catena, salumai e arrotini. Per potersi riunire i nostri avi chiesero nel 1604 e ottennero dal vescovo Francesco Gonzaga l’utilizzo di un altare, “Altare comunitatis Pinzoli Rendene Tridentine”, che venne costruito nel 1659 (in merito è presente un’accurata pubblicazione dell’Amministrazione di Pinzolo, consultabile presso le sedi bibliotecarie di Pinzolo e Campiglio)."

 

"La ricorrenza di quest’anno è stata l’occasione per omaggiare con uno specifico riconoscimento la storica perpetua della Chiesa di San Martino, da tutti conosciuta come la signora Emma (Olga Bertasi). Il riconoscimento è stato consegnato direttamente alla centenaria dal Sindaco di Pinzolo Michele Cereghini alla presenza del Vice Sindaco di Mantova, Giovanni Buvoli e del Questore di Mantova Paolo Sartori, originario di Caderzone."

  

 

"Si è rinnovato così anche quest’anno l’incontro tra le due nostre comunità da quando, oltre trent’anni fa, su impulso di Marco Collini, Italo Maffei “Lustro” e Claudio Cominotti, iniziò l’annuale pellegrinaggio."

 

"L’appuntamento è per il 2022 nella convinzione che questi momenti ci ricordano una storia importante e ricca di insegnamenti: la storia dell’emigrazione della nostra gente."