25
Sat, Jun

Ci ha lasciato il cavalier Angiolino Binelli

Pinzolo
Typography

Venerdì sera ci ha lasciato il cavalier Angiolino Binelli. Da qualche mese era ospite della Casa di Riposo Abelardo Collini di Pinzolo. I funerali avranno luogo martedì alle 17.00. Cosa abbia rappresentato per la comunità di Pinzolo lo prendiamo dal volumetto che ricorda i 50 anni della Targa d’Argento – Premio Internazionale della Solidarietà Alpina celebratisi lo scorso settembre : “Angiolino non era solo un uomo di montagna, ma un uomo vero, autentico. Quello che diceva faceva, senza girarci tanto intorno. Se aveva un obiettivo è sicuro che lo avrebbe raggiunto dato il suo spirito tenace, caparbio, ostinato. Nessun ostacolo era mai riuscito a fermarlo. Questo suo modo di essere, originale, un po’ fuori dagli schemi, faceva parte della sua natura si può dire fin da ragazzo. Lui riusciva a dire e a fare quello che tutti pensavano. La comunità di Pinzolo era la sua famiglia.

Lui si è sempre prestato con generosità e altruismo, promuovendo iniziative in tanti campi: nello sport come capitano dell’U.S. Pinzolo, nel volontariato (AVIS, AIDO, protezione animali), nella vita sociale (sicurezza e cura del paese), anche rimettendoci del proprio: tempo e denaro. Entrato fin da giovane nella Stazione di Soccorso Alpino di Pinzolo, la prima fondata in Italia nel 1952, a ogni chiamata lui, calzolaio di professione, lasciava gli arnesi sul banco di lavoro e il suo negozio per correre dove c’era bisogno di aiuto. Quando ne divenne il responsabile, per rendere più efficiente il servizio, dotò la stazione di un’ambulanza acquistata a sue spese e promosse il collegamento radio, 24 ore su 24, con i rifugi delle montagne che circondano Pinzolo. Per tutto questo suo prodigarsi generoso e disinteressato ha ottenuto importanti riconoscimenti: dal titolo di cavaliere al Premio del Cardo,  primo socio  onorario del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, il Premio “Mens Sana in Corpore Sano”, il Premio “Uomini e Montagne” di Bormio, il Premio Marcello Meroni per la sezione solidarietà e la soddisfazione di essere ricevuto al Quirinale dai Presidenti della Repubblica Scalfaro e Ciampi nonché in udienza speciale in Vaticano da Papa Woytila e da Benedetto XVI. Solo una testa come la sua poteva partorire l’idea  di istituire la Targa d’Argento – Premio Internazionale di Solidarietà Alpina. Un’idea che ha saputo portare avanti per ben 50 anni e far conoscere e apprezzare in tutto il mondo, partita da una piccola realtà valligiana. Oggi il Premio Internazionale di Solidarietà Alpina, nel mondo della montagna, è uno dei più prestigiosi e ambiti riconoscimenti in campo internazionale….” Con la sua dipartita Pinzolo ha perso una personalità e insieme un personaggio che ha caratterizzato la sua crescita nel campo del sociale, dell’umanità e della promozione del territorio. Continuerà a vivere nel ricordo di chi gli ha voluto bene e nel  Premio che ha istituito.