10
Fri, Jul

Se ne è andato Adelio Beltrami. Il ricordo di Giuseppe Ciaghi

Carisolo
Typography

Il suo fisico robusto, quadrato, di persona vigorosa e piena di energia, da un paio d’anni aveva cominciato a dare qualche segno di stanchezza e di malessere, e con esso anche l’umore: Adelio, persona aperta, portato a vedere il mondo in positivo, un saggio dalla battuta sapida e arguta, frutto di esperienze maturate nei diversi lavori intrapresi durante la sua vita, da un po’ di tempo non era più lui, appariva stanco, sofferente, chiuso nei suoi pensieri. Domenica 7 giugno ha chiuso gli occhi per sempre, a 74 anni, lasciando nel dolore più profondo la moglie Annetta, i figli Erina e Giambattista, i fratelli e quanti hanno avuto la fortuna di conoscerlo, di trascorrere qualche ora in amicizia con lui e di apprezzarlo. Di professione sarebbe stato “maestro muratore”, diploma conseguito a Rovereto in una delle allora più celebrate scuole del settore, ma vicissitudini diverse lo portarono a impiegarsi e ad esercitare altri mestieri, dal contadino al boscaiolo, dall’autista al ristoratore.

Attività quest’ultima realizzata nel vecchio rustico di famiglia, di là dalla Sarca, trasformato, grazie alle sue intuizioni, al suo impegno e alla sua passione di intagliatore del legno, nel “Maso Magnabò”, un locale tipico, un vero gioiello anche dal punto di vista architettonico e delle strutture, oltre che gastronomico; dove le specialità della tradizione vengono coniugate con le esigenze più raffinate grazie a uno chef d’eccezione: il figlio Giambattista. Ha partecipato attivamente anche alla vita sociale della sua comunità.

I suoi consigli e i suoi suggerimenti venivano tenuti in grande considerazione. Per lungo tempo fu revisore dei conti e capo-sindaco nella Direzione della Famiglia cooperativa di Carisolo, nella quale  rivestì per diversi anni anche l’incarico di presidente. Certo ci mancherà. Oggi pomeriggio alle 16 il suo ultimo viaggio terreno a Santo Stefano. Nello stringerci commossi ai suoi cari vogliamo partecipare i sensi più vivi del nostro cordoglio.