01
Tue, Dec

Una libreria e una sala lettura e un percorso sulle leggende delle streghe al Castagneto di Carisolo. Continua la valorizzazione di questo angolo di paradiso

Carisolo
Typography

Il Castagneto di Carisolo, limitato, a valle, dalla strada selciata che porta a Santo Stefano e, a monte, da quella che conduce in val Genova, celebrato da Nepomuceno Bolognini nei suoi scritti per avervi collocato fiabe e leggende, rappresenta una delle poche oasi sopravvissute a un mondo ormai scomparso, dove, fra enormi tronchi di piante secolari, si respira ancora un'atmosfera d'altri tempi. Infatti anni fa stava per scomparire se la Pro loco non avesse pensato al suo recupero e lo avesse restituito a nuova vita. Un gruppo di volontari si prestò nei giorni liberi e la domenica al suo risanamento, ripulendolo dalle sterpaglie, dagli arbusti, dai depositi di rifiuti e dai detriti che ne impedivano l'accesso. Col sostegno finanziario del Comune si provvide poi a potenziarlo con l'innesto di nuovi alberelli e a renderlo fruibile con viottoli, sentieri, panche e tavoli in legno. E' diventato un parco stupendo, meta privilegiata degli ospiti durante l'estate e dei residenti nel tardo autunno, quando vi si recano a raccogliere castagne squisite.

Grazie al lavoro instancabile dei volontari guidati da Gianni Morandi oggi è stato ancora impreziosito con altri interventi tra i quali una nuova “libreria”, una sala lettura e «un lungo ed interessante percorso sulle leggende di streghe e personaggi misteriosi che vivevano nella Val di Genova ideato e portato avanti con tanta passione e volontà dal nostro Gianni Morandi grande artista di Carisolo e custode del castagneto, dalla ProLoco di Carisolo e da scultori e volontari» scrivono sul profilo facebook i suoi compaesani.

 

«Continua la valorizzazione del castagneto di Carisolo. Libreria realizzata in collaborazione con zio Mario che ha scolpito Ciata da gal, con annessa sala lettura» fa eco Gianni. Davvero un ottimo lavoro. Avete creato una piccola oasi della quale ne possono godere tutti.