04
Sat, Apr

 

Il settimo incontro del percorso Alleanza Scuola Famigliae Comunità, dedicato ad altri due dei temi ritenuti prioritari da Genitori ed Insegnanti: l’organizzazione della Scuola, quale elemento quotidiano e fondamentale per la qualità dell’apprendimento, e la comunicazione tra Scuola e Famiglia, quale ponte essenziale nel percorso di costruzione dell’Alleanza.  L'incontro si terrà MERCOLEDI’ 15 GENNAIO alle ore 20.30 nella Sala riunioni Vigili del Fuoco presso la Scuola di Spiazzo. 

Come si definiscono gli obiettivi della Scuola e le modalità organizzative per raggiungerli? Chi ne è responsabile? Come creare una comunicazione chiara tra Scuola e Famiglie? Perché tutto può funzionare meglio se vi è alla base un rapporto di rispetto e fiducia tra Insegnanti e Genitori? «Ci confronteremo rispetto a queste ed altre domande -spiegano gli organizzatori -  per costruire una Scuola che valorizzi sempre più i talenti di ciascun Alunno e diventi sempre più luogo di riferimento e di crescita per i nostri Figli».

 

La Stagione “Giudicarie a Teatro”, promossa dalla Comunità di Valle e dal Coordinamento Teatrale Trentino, mette in calendario per sabato 21 dicembre uno spettacolo a Spiazzo dove sarà in scena Corrado Accordino, autore, regista e interprete del monologo «COSÌ TANTA BELLEZZA», un invito a non lasciarci sfuggire le occasioni di bellezza che quotidianamente accadono intorno a noi. 

«E’ un’esortazione – scrive l’autore – a vivere il “qui e ora”, liberandosi dalle strutture. La bellezza di dire ciò che potrebbe essere meglio per sé e per gli altri, di essere sé stessi, la bellezza di guardare alla nostra esistenza con ironia e leggerezza.»

Protagonista della storia narrata da Accordino è un uomo con una moglie, due figli, un lavoro dignitoso e qualche amico con cui condividere nel fine settimana una piccola trasgressione, ma nessun terribile segreto da tenere nascosto. Un uomo qualunque, come chiunque di noi. Insomma, una vita semplice, dove ogni cosa è al suo posto, in un ordine preciso. Ma, anche dietro le più canoniche vite, si nasconde sempre un disagio, una sorpresa e una voglia di cambiare. Così il protagonista, uscendo in una sera come le altre per fare una passeggiata, comincia a far cadere le proprie certezze, a mostrare a sé stesso le ombre che si celano dietro a tutto il suo ordine, a intuire intorno a sé un piccolo mondo di bellezza che aveva smesso di cogliere, di vedere e di immaginare possibile. Lasciarsi sorprendere da questa bellezza ha però delle conseguenze: non si può più tornare indietro. Improvvisamente, tutto pretende un nuovo modo di stare al mondo: perdere le certezze che si sono costruite giorno dopo giorno per darsi il tempo di una nuova verità. Una verità che, una volta avvertita, non si può più tacere.

«È stata una gioia per gli occhi (e soprattutto per l'anima) – scrive Veronica De Lorenzo su Paperblog.com – assistere allo spettacolo “Così tanta bellezza”. Intenso, vigoroso, mattatore sul palco, Accordino regala anima e forza al personaggio in modo strepitoso.» Anche Alessia Stefanini su Smartinthecity.it parla di un monologo potente, ironico, leggero e divertente, dove Corrado Accordino «si conferma attore, regista e drammaturgo capace di creare forti emozioni con una perfetta pulizia di gesti e voce.» Nella sua recensione, pubblicata da Teatro.it, Sheila Khan ci porta invece in platea: «Il palco è immerso nel buio, Accordino entra lentamente e pone domande in modo sempre più precipitoso, mentre dei fasci di luce illuminano uno per volta i fogli che pendono leggeri dal soffitto raffiguranti figure stilizzate apparentemente prive di collegamento. […] Accordino anima questo personaggio con precisione e trasporto, così che una forte attesa aleggia in platea.» 

Nell’allestimento dello spettacolo, prodotto da Teatro Binario 7, Corrado Accordino è stato assistito nella regia da Valentina Paiano. Sabato 21 dicembre al Teatro Parrocchiale di Spiazzo il sipario si alzerà su «COSÌ TANTA BELLEZZA» alle ore 21.00.  (F.L.)

 

 

I Vigili del fuoco di Spiazzo Rendena sono intervenuti tempestivamente per spegnere un incendio all'interno di un'abitazione in paese vicino alla chiesa. L’allarme era scattato alle 18 quando i proprietari dell’appartamento hanno composto il numero unico di emergenza. 

A prendere fuoco l'innesto della canna fumaria di una stufa. L’incendio si era poi alimentato con la fibra di legno, materiale che funge da isolamento tra la muratura esterna in roccia e il rivestimento interno in legno. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco di Bocenago e Tione con l'autoscala in quanto in un primo momento vista l’intensità della colonna di fumo si era pensato che fosse interessato dall’incendio anche il tetto.  Fortunatamente le fiamme sono state circoscritte al solo locale della cucina e non sono state coinvolte persone.