05
Fri, Jun

Emergenza coronavirus, le comunicazione del Presidente di Apt Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena

Campiglio
Typography

Gentili Operatori,

I difficili giorni dell’emergenza sanitaria che ha profondamente scosso il nostro vivere quotidiano e messo a dura prova il sistema Italia, la sanità, la socialità e l’economia, hanno attraversato e coinvolto con il loro grave peso di sofferenza anche il nostro territorio, entrando prepotentemente nelle nostre case.

Tutti noi siamo stati chiamati, con disciplina e senso di responsabilità, a rispettare disposizioni e direttive - imposte tramite decreti emanati dai diversi organi competenti - risultate molto impattanti e limitative della libertà personale, dei comportamenti, delle abitudini e dei ritmi di vita normalmente vissuti.

E’ risultato difficile e forse imprevedibile, senza ipocrisia, comprendere fin da subito il repentino aggravarsi della situazione e la conseguente complessità di gestione dell’emergenza. Poi la paura ha amplificato da un lato la chiusura in noi stessi e dall’altro il timore, per alcuni, di vedere le nostre località diventare meta di copiose fughe dalle città e di conseguenti “invasioni” di persone possibili portatrici di contagio.

Ci sono state indubbiamente delle situazioni iniziali che hanno evidenziato, da parte di alcune persone, uno scarso rispetto delle regole e un’insufficiente percezione dei pericoli e dei rischi oggettivi che i comportamenti abituali, non più consentiti, potevano e possono creare.

Tuttavia mi sono parse eccessive e inopportune alcune esternazioni e prese di posizione che non hanno fatto altro che aggiungere problemi ad una situazione già molto critica e complicata; penso che il desiderio, ritenuto necessario e indispensabile da parte di qualcuno, di comunicare e rendere pubblico il proprio pensiero, principalmente attraverso i social, debba comunque essere pesato ed eventualmente espresso in maniera moderata, equilibrata ed intelligente.

Aldilà delle oggettive difficoltà e delle sofferenze vissute nei complessi e a volte drammatici momenti dell’emergenza, mi preme ribadire e sottolineare che i nostri ospiti continuano e continueranno a rappresentare una risorsa molto importante e fondamentale per il sistema turistico locale, non solo per quanto riguarda l’aspetto economico che la loro presenza genera, ma soprattutto dal punto di vista del legame affettivo che li unisce e li accomuna al nostro territorio, considerato nel senso letterale del termine una vera e propria seconda casa, della quale condividono molto spesso, problematiche, momenti spensierati e di svago, conoscenza dell’ambiente che li circonda, passione per la storia e la cultura e consolidate amicizie.

Il momento storico che stiamo affrontando non ha precedenti, solo insieme, rispettando le regole e riconoscendoci gli uni agli altri, ne potremmo uscire più forti e determinati, pronti con coraggio a rimboccarci le maniche e a ricominciare con impegno e passione a sostenere le nostre attività e il nostro lavoro quotidiano. Attività che sono indubbiamente legate e vincolate, o direttamente o per indotto, ad un’economia turistica che ha portato benessere e sviluppo in tutto il nostro ambito e che non possiamo permetterci venga meno.

Siamo ancora in una fase dove è l’emergenza sanitaria la priorità assoluta. Gli sforzi debbono essere rivolti e concentrati a sostegno degli operatori sanitari e a beneficio delle strutture che vegliano sulla nostra salute, ma è altresì fondamentale e nostro assoluto dovere, da subito, mettere in campo strategie ed azioni concrete che ci permettano di ripartire con forza ed efficacia, nella comune convinzione e consapevolezza che le nostre montagne saranno ancora meta di indimenticabili e meravigliose vacanze.

Assicuro che su questo aspetto, l’Azienda per il Turismo sta già operando e impegnerà il massimo delle risorse a propria disposizione.

Desidero, in conclusione, a nome mio e di tutte le componenti della nostra Azienda, esprimere vicinanza e sincero affetto a tutte le famiglie colpite drammaticamente da questa epidemia e in generale a tutte le persone che stanno affrontando con grandi difficoltà questa condizione emergenziale. Nel contempo, porgere un sincero e sentito ringraziamento a tutti coloro che operano con profonda dedizione, straordinaria umanità e innegabile coraggio nel contrastare e combattere questa complicata e difficile situazione.

Tullio Serafini

Presidente Apt Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena