25
Mon, Jan

Apertura impianti da sci: la lettera del direttore di Scuola di Sci Andrea Sini al Corriere della Sera

Campiglio
Typography

L'apertura degli impianti da sci è un argomento che in questi giorni sta focalizzando l'attenzione di molti, «ma purtroppo stiamo leggendo molte inesattezze e distorsioni della realtà». A scrivere è Andrea Sini Direttore di Scuola di Sci a Madonna di Campiglio che ci ha allegato la lettera che ha inviato alla rubrica del Corriere della Sera dopo aver letto uno scambio di lettere tra un lettore e l'editorialista Aldo Cazzullo che riportiamo qui sotto nell'immagine (e che è possibile leggere a questo link).

 

 

 

 

 

Qui di seguito la lettera di Andrea Sini.

 

Gentilissimo Aldo, 

leggo con piacere la sua romantica visione dello sci nel marasma di quanto pubblicato in questi giorni a riguardo del nostro amato Sport e della nostra splendida Professione.

Mi preme inviarle alcuni pensieri sorti prendendo spunto dalla sua lettera, oltre che dalle tristi parole incattivite di molti.

Non scrivo sui social perché ritengo siano uno scudo troppo a portata di mano per potersi permettere pensieri poco ragionati e premetto che non ho alcuna soluzione certa in tasca, ma che sono un accanito ricercatore della "media via".

Che al primo posto debba rimanere la salute è indubbio, e posso assicurare che è così per tutti gli operatori di Montagna. Nessuno di loro, nessuno di noi, si permetterebbe di anteporre interessi economici alla salute di tutti.

La voce che si è levata in questi giorni chiede con forza che le decisioni vengano prese considerando la situazione nel suo complesso, perché errori di visione in questo momento potranno mettere in seria difficoltà chi VIVE in montagna, vivendo DI montagna.

Nella sua lettera richiama all'esigenza di rimodernare gli impianti di risalita. Dott. Cazzullo, le care vecchie funivie non esistono quasi più già adesso, sostituite da moderni impianti che trasportano poche persone in ogni vettura e con una alta portata oraria.

Se non altro vale la pena di ricordare che la modernizzazione degli impianti è stata possibile negli anni grazie ad un motore economico – quello del turismo di montagna – particolarmente sano e virtuoso, a cui tutta la filiera degli operatori prende parte.

Manca nelle sue note che questa filiera si è mossa da mesi per realizzare, di concerto con Le Aziende per i Sanitari e le istituzioni Regionali / Provinciali, protocolli di gestione "anti-covid" per limitare il rischio di contagio, grazie ai quali sarà impossibile avere cabinovie strapiene, rifugi stracolmi, lezioni di sci sovraffollate.

Impiantisti, Scuole di Sci, albergatori, rifugisti, Commercianti sono pronti a ricevere gli ospiti in sicurezza, garantendo standard ù

di sicurezza altissimi, rinunciando ai volumi cui erano abituati contingentando i flussi. Effettuando ancora una volta investimenti (non sovvenzionati, lo posso assicurare) per adeguarsi alle necessità contingenti e per riuscire a lavorare facendo ciò che sono capaci di fare. Dico addirittura che alcuni metodi e sistemi congeniati per far fronte all'emergenza epidemiologica hanno dato spinta virtuosa a necessità già esistenti prima e di cui potremo godere anche ad emergenza dimenticata. Come da ogni crisi, potremo uscirne più forti.

Mi viene da dire poi: non è forse vero che per varie ragioni, anche lavorative, la gente sta frequentando gli hotel ed i ristoranti? Per quale ragione, se gestiti con protocolli già esistenti, l'hotel in montagna dovrebbe essere motivo di sovraffollamento più pericoloso?

Condivido quando critica il relegare lo sci ad un capriccio: si tratta di "star bene", di Sport, di economia e lavoro.

Ho la fortuna di sciare con allievi/amici di tutto il mondo, e non sa che soddisfazione notare quanto si dicano rigenerati al termine di una settimana sulla neve, che in molti casi è l'unica settimana di sport per loro durante tutto l'anno!

Non voglio ripetere ciò che tanti hanno già detto, ovvero che noi "montanari" viviamo, manteniamo le famiglie, investiamo nell'economia italiana contando sui flussi turistici di soli sei mesi l'anno, a significare quanto sia pericoloso saltare a piè pari settimane o mesi di attività (per inciso, nei restanti mesi dell'anno lavoriamo senza turisti per preparare i servizi delle nostre località).

Desidero fare cassa di risonanza però sull'attenzione necessaria a queste decisioni: nessuno di noi vuole mettere ulteriormente in difficoltà il disequilibrio del sistema sanitario, nessuno di noi ha sete indiscriminata di guadagni. Ma se le condizioni vi sono, considerati anche i severi protocolli elaborati ed approvati, chiediamo ci venga data la possibilità di fare ciò che sappiamo fare.

Insomma, se si potrà in salute la Montagna ci sarà al meglio, ancora una volta.

E quanto sono ancora belli i maglioni di lana che fanno le scintille!

La saluto cordialmente.


Andrea Sini

 

Direttore di Scuola di Sci – Madonna di Campiglio

Vicepresidente Associazione Maestri di Sci del Trentino

Consigliere CdA – Azienda per il Turismo Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena