23
Sun, Jan

Addio a Pietro Cortella, storico numero 1 della Settaurense

Storo
Typography

 

 

STORO. Dal 1950 in poi Pietro Cortella è stato considerato da tutti come il miglior numero 1 del calcio valligiano. Per decenni nella porta della Settaurense e per ultimo in quella della Condinese, anche se da giovanissimo era stato per qualche stagione anche il numero 12 della Benacense, si era sempre distinto. Se n'è andato ieri dopo un certo periodo di ripetute cure, sempre assistito dalla moglie Lidia e dall'unica figlia Edy. Le esequie si terranno nella chiesa di Storo questo sabato alle ore 14.

 

 

Aveva 84 anni e professionalmente, se non nell'ultimo periodo, non ha mai smesso di lavorare, prima alla fabbrica per armi Riva e successivamente nel gruppo Sapes. Anche fuori dalle Giudicarie il Peulù – questo lo scotun di famiglia - era calcisticamente apprezzato da altrettanti stimati allenatori dell'epoca come Saverio Baratella, Antonio Vismara e Bepi Parolari.

 

Storicamente parlando andrà a far compagnia a coloro che davanti a lui avevano fatto grande lo sport biancoverde. Al di là di quei signori dirigenti tra cui Olivo Zontini, Luigi Malcotti, Spartaco Oggiano, Franco e Gianni Grassi, Battista Maccani, Luigi Giovanelli anche i suoi stessi portacolori all'epoca molto noti. Tra questi Basilio Giovanelli, Bortolo Berti, Bruno Baratella, Gianni e Remo Grassi e altri ancora. Di quella realtà i soli rimasti sono ora i due Scaglia, Olivo Giovanelli, Domenico Scarpari, Aldo Grassi, Giuseppe Bettazza e Osvaldo Alicanti nonché i veterani Italo Danieli, Giusto Cadamuro e il suo secondo Francesco Sai. Un'intera comunità si stringe nel suo ricordo per un ultimo saluto.