25
Sat, Jun

Gli Amici del Gi si aggiudicano il primo Memorial Gino Marini

Storo
Typography

 

STORO. La vicinanza e la stima verso Gino Marini sono arrivate chiare dagli sportivi di valle, manifestate in occasione del suo primo Memorial amatoriale. La competizione calcistica, allestita questo sabato all’antistadio del Grilli, è stata assegnata alla squadra che fa riferimento allo stesso Gino, “Amici del Gi”. Ebbene, la formazione ha superato in finale, con il risultato di 4 a 1, gli azzurri della Entardet. Al terzo posto a pari merito Calcio Agricolo (Poli) e Atletico Madrink.

 

 

Gino era un buono non solo nello sport ma anche nella vita e nell’associazionismo di cui era interprete coerente, sincero e affidabilissimo, la sua figura manca tanto. Ora da lassù l’indimenticabile Gino ci osserva ogni domenica dandoci a volte anche dei saggi consigli e pure una buona mano” hanno detto sia i referenti dell’ente Pro loco di Darzo Matteo Briani e Valentina Giacometti nonché il presidente della Nuova Settaurense Ferruccio Moneghini, tutti quanti gestori della macchina organizzativa.

Le squadre, riconducibili a denominazione nostrane, erano - contrariamente alle iscrizioni - dieci e non dodici a seguito del lutto che ha colpito la famiglia Ghizzi, mentre la direzione degli incontri era affidata alla troika Fabrizio Boldrini, Giuseppe Crosina e Fabio Radoani. Ampia sintesi sulla manifestazione è prevista mercoledì prossimo in prima serata su Wellt Ski 810 a cura di Ignazio Paresi.

In questa maratona di partite si sono visti quasi 150 protagonisti di ieri e di oggi che a distanza di anni, pur con qualche variante fisica e di peso, hanno fatto intravedere i rispettivi meriti: portacolori che negli ultimi 30 anni hanno fatto la storia dello sport pallonaro locale e che tutt’oggi quasi tutti convivono con lo stesso ambiente. Dal golden boy Beppe Leotti a Gianni Zulberti, Pierino Giovanelli, Cornelio Donati, Paolo Ferretti, Marco Zaninelli, Cristian Quarenghi ai vari Donati, Risatti, Zontini, Sansoni, Angeli e Pellizzari cosicchè il panorama era vastissimo.

A rappresentare la famiglia dello scomparso non c'era l’anziana mamma Elide, bensì i fratelli Monica e Christian, ambedue medici che operano rispettivamente a Brescia e Udine. Entrambi di fronte a tanto attaccamento e simpatia della gente verso lo scomparso hanno manifestato grande commozione. Diversi pure i referenti istituzionali, ad iniziare dal consigliere provinciale Alex Marini, al vice sindaco di Storo e presidente dell’ente Bim del Chiese Claudio Cortella nonché la delegata comunale allo sport Claudia Ferretti.