27
Sun, Nov

Inaugurato il nuovo mulino di farina bianca di Agri90

Storo
Typography

 

 

 

STORO - Inaugurato stamani a Storo, nella sede vetrata di Via Sorino, il nuovo mulino di farina bianca le cui  capacità  annuali previste sono di 2mila quintali di farina tipo1.

 

Costato un milione e mezzo di euro (di cui 500mila coperto da contributo provinciale), il mulino completa la gamma delle farine già prodotte dalla coop che nel tempo ha saputo valorizzare la farina gialla di Storo portandola sulle tavole italiane ma non solo.  All’anteprima del Festival della Polenta di ieri   ( sabato 1 ottobre)  a mancare  era soprattutto la gente del posto mentre  delegati  delle istituzioni erano ben rappresentati. Dagli assessori provinciali Roberto Failoni alla collega Giulia Zanotelli c’erano pure l’architetto e vice presidente vicario  Lorenzo Osanna e l’ex assessore Tiziano Mellarini nonché il sindaco di Castel Condino Stefano Bagozzi e il presidente del mondo cooperativo provinciale Roberto Simoni. A fare gli onori di casa il sindaco Nicola Zontini e il presidente dell’ente Pro loco Luca Comai. Ambedue  - parlando a braccio  e   con parole diverse – hanno interpretato alla lettera la realtà  contadina operante  nel fondovalle. A rappresentare Arma e Fiamme Gialle i comandanti  di stazione Fava, Panucci e il collega Polana. 

 

 

Mentre la Zanotelli si è soffermata  su “le eccellenze contadine trentine le cui realtà, pur travagliate dalla difficile situazione,  lavorano e si stanno distinguendo ”  Failoni  ha  tratteggiato “ i diversi profili legati alla buona immagine di coloro che sacrificandosi  con  il proprio lavoro  producono  formai de mut ”.

 

Nell’occasione – alla presenza del reverendo arciprete don Andrea Fava - è stato  inaugurato e benedetto  il nuovo mulino la cui struttura  affianca frantoi e punto vendita già operanti da anni dentro il palazzo di vetro di Via Sorino.

 

A qualificare  la vernissage, oltre alla presentazione del libro Cercatori d’erba “ quanti  altri hanno aderito alla sagra del formaggio di  malga e del miele nostrano. Tra questi il duo  Radoani& Fantoma  che lavorano latte e producono  formaggi dentro la loro azienda La Cugna a sud di Condino nonché  Daniele Pelizzari di Sarezzo in Valtrompia che la scorsa estate ha monticato  con una settantina di bovine a malga Bondolo.

 

Da parte sua  il presidente della Cooperazione trentina Roberto Simoni  ha tra l’altro detto . "Ci sono settori che stanno soffrendo più di altri per l’aumento dei costi energetici e delle materie prime ma  tuttavia nei momenti di grandi difficoltà ci sono anche opportunità, e questa realtà è un esempio”. Alle 10  di domenica 2 ottobre dentro il centro storico via con assaggi e  polente.