25
Sat, Jun

E sono 102: auguri Muson!

Busa di Tione
Typography

 

 

SAONE. Mario Antolini detto Muson ha compiuto 102 anni! Nato a Tione il 19 giugno 1920, non serve nemmeno presentarlo: ex insegnante alle scuole elementari, tipografo, giornalista pubblicista dal 1980, ad oggi anche un influencer giudicariese!

E' cresciuto ai tempi della spagnola, un diploma magistrale e laurea in scienze orientali giapponese, era proprio in Giappone ai tempi dello scoppio della bomba atomica.

 

Poi corrispondente dalle Giudicarie dal 1947, responsabile dell’ufficio stampa dell’Apt di Madonna di Campiglio e Pinzolo e corrispondente del Corriere della Sera e della Gazzetta dello sport. Direttore responsabile e Redattore di numerosi periodici. Insignito della “Penna d’oro” dell'Ordine dei Giornalisti al compimento dei 100 anni.

 

Come deve essere compiere 102 anni? Ce lo racconta lui stesso con una poesia, immancabilmente divulgata tramite il suo seguitissimo profilo Facebook. 

 

 

Domenica 19 giugno 2022. Ringraziando quanti già mi hanno fatto sentire la loro vicinanza ed inviato gli auguri per il mio 102° compleanno, in modo particolare grazie a facebook. Un vero miracolo del tutto eccezionale che mi rallegra e gratifica e che nel contempo mi commuove e sbalordisce. – Un GRAZIE GRANDE di tutto cuore - Mario Musón

*

Zèntedù…

*

Rivàr ai zèntedù e nó sentìrli

l’è vergót che ’l sé reména dént

e che nó sò bó’ de capìr…

Mé sénto quasi ’mbambolà

e sèito a pensàrghe dré

parchè a mi i mé làsa amó chì

e tànç àltri i scàmpa prima de mi.

*

A zèntedù àgn có se pól pensàr?

Sénto che so arént al dovér nàr

ma ’ntànt mé gòdo amó ’l bèl

che gò dinànç a i òç e có i Mé;

e pàso ’l témp mèi che pódo

a gatàrme amó ’ntà ’l mondo

cól bèl giugàtol del feisbùc

che ’l mé pòrta la gént entà cà’.

*

Che fortunà che sò, a zèntedù àgn,

a… avérghe ’ntórna quasi tùç i mé

e tànta gént che me vól bé’

e che i mé fa fèsta e i stà có’ mi;

i mè fa sentìr én gràn siór

có na vóia de scominziàr da càpo

a ’nviàr vìa él me fàr vergót

da mèter ensèma per él domà!

*

Zèntedù àgn…: én mìgol dé témp

na gócia de àcua, ’n sbùf de vént;

vergót che pàsa vìa de présa

ànca se l’à ’mpienì la mé vita…

Zèntedù àgn…: én regàl del Signór;

na gràzia che la ciàma ’n GRAZIE.

*

Centoedue… - Arrivare ai centoedue anni e non sentirli / è qualcosa che mi rode dentro / e di cui non riesco a rendermene conto… / Mi sento quasi frastornato / e continuo ad arrovellarmi il cervello / (chiedendomi) perché io sono lasciato ancora in vita / mentre tanti altri scompaiono prima di me. * A centoedue anni cosa si può pensare? / Sento che sono vicino alla partenza / ma nello stesso momento godo ancora del bello / che ho davanti agli occhi e con i miei Cari: / e passo il tempo meglio che posso / nel ritrovarmi ancora nel mondo / col bel giocattolo del facebook / che mi porta la gente in casa. * Che fortunato che sono, a centoedue anni, / ad avere attorno quasi tutti i miei Cari / e tante persone che mi vogliono bene / e che mi fanno festa e stanno con me: / mi fanno sentire un gran signore / con una gran voglia di iniziare da capo / a dare l’abbrivio al mio fare qualcosa / da mettere insieme per il domani. * Centoedue anni…: un attino di tempo, / una goccia d’acqua, un soffio si vento: / qualcosa che passa di fretta / anche se ha riempito la mia vita… / Centoedue anni…: un regalo del Signore; / una grazia che richiama un gran e bel GRAZIE!