23
Sun, Jan

“Latte Trento” fa crescere il Trentino: alla riunione del CdA anche il progetto di riqualificazione del caseificio di Pinzolo

In Trentino
Typography

 

La crescita di Latte Trento è la crescita di tutto Trentino. Lo ha sottolineato il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti che la settimana scorsa novembre ha partecipato, assieme all’assessore provinciale all’agricoltura, foreste, caccia e pesca Giulia Zanotelli, alla riunione del cda della società cooperativa, per ribadire un incoraggiamento all’azienda e la vicinanza dell’Amministrazione provinciale.

 

In foto dall'Ufficio Stampa della Provincia Sergio Paoli, direttore Latte Trento, Renato Costa, presidente Latte Trento, il presidente della Provincia Maurizio Fugatti, l’assessore Giulia Zanotelli

 

Possiamo lavorare assieme, in modo efficace, sulle esigenze comuni: più cresce Latte Trento – e noi riteniamo che abbia prospettive di sviluppo importanti – più cresce l’immagine del Trentino, della qualità dei suoi prodotti e in generale di tutto il sistema trentino. Che è un obiettivo che fa bene a tutta la nostra comunità e a cui lavorano le istituzioni locali”. Così il presidente nella sede produttiva di via Monaco a Trento, in un momento di confronto sulle priorità per la realtà che riunisce 300 soci allevatori e commercializza il latte e i formaggi trentini. Dagli aumenti per il costo delle materie prime (vedi i mangimi) e dell’energia, agli impegni per il settore lattiero-caseario e la zootecnica assunti dalla Giunta provinciale nella manovra appena approvata. Includendo il PNRR, la definizione della Politica agricola europea e le strategie per il futuro garantite dal Tavolo Verde per l’Agricoltura avviato con gli operatori.

 

Nell’incontro, lungo e approfondito, Fugatti e Zanotelli hanno ascoltato le priorità di Latte Trento evidenziate dal presidente Renato Costa e dal direttore Sergio Paoli. La sfida per la competitività dell’azienda si confronta con le dinamiche del contesto economico in atto, a partire dall’aumento dei costi per i mangimi, che è uno dei temi sentiti dagli allevatori, e dei costi per il confezionamento dei prodotti.

 

Ma lo sviluppo della cooperativa passa anche per i progetti innovativi. Nel confronto è stato illustrato il progetto di riqualificazione del caseificio di Pinzolo (con sede a Giustino), un’iniziativa a cui lavora la società per far convivere in un unico sito produzione, bar bianco, agritur, vendita e degustazione dei prodotti, con percorsi didattici e per il turismo.

 

A proposito dei temi attinenti al settore lattiero-caseario, l’assessore Zanotelli ha esaminato le questioni punto per punto. “Nella manovra economico-finanziaria, oltre agli interventi di sostegno c’è una parte importante rivolta alla promozione. E resta alta l’attenzione agli aspetti del benessere animale e per gli interventi sui caseifici rivolti al rispetto delle normative igienico-sanitarie. Conosciamo inoltre il tema dell’aumento delle materie prime”. Riguardo al PNRR, Zanotelli ha precisato che l’assessorato assieme al mondo agricolo lavora per raccogliere tutti i progetti del territorio da incardinare su alcuni bandi collegati al Piano nazionale di ripresa e resilienza.