01
Tue, Dec

Nuove norme anche in Chiesa: don Gianni Poli scrive un messaggio alla comunità delle Esteriori  

Esteriori
Typography

 Giovedì scorso, 12 novembre, il vescovo Lauro Tisi rinnovava l'appello all'intera Diocesi a un atteggiamento di responsabilità riferendosi all'attuale situazione di emergenza sanitaria. Ne conseguivano nuovi provvedimenti nelle singole Parrocchie.

Don Gianni Poli, parroco della comunità delle Giudicarie Esteriori, ha quindi voluto informare i fedeli in modo molto pratico, via messaggio:

 

Ciao a tutti e tutte. A partire da sabato 14 novembre ci saranno nuove disposizioni, dovute all'aggravarsi della situazione ospedaliera:

 

  • Il numero di fedeli che possono accedere alla chiesa per le celebrazioni viene ridotto nella misura che consenta di garantire una distanza interpersonale di 2 metri tra ciascun fedele;

  • La S. Messa feriale può essere celebrata esclusivamente in chiesa; si evitino altri luoghi, più ristretti, utilizzati talvolta nei mesi invernali;

  • Si raccomandi ai fedeli di igienizzare le mani prima di ricevere la S. Comunione;

  • E' temporaneamente sospesa l’attività dei cori parrocchiali; potrà essere presente l’organista e un cantore. Dovendo ridurre al minimo il canto, ci si limiti ad intonare l’Alleluia, il Santo e l’Agnello di Dio; per gli altri momenti si può prevedere un accompagnamento musicale; - Sono sospese le celebrazioni delle Cresime e delle Prime Comunioni.

     

     

A ribadire la sua vicinanza, ha concluso:

Non è una situazione simpatica da vivere, ma non lasciamo che il virus ammali anche l'anima, così manteniamo in salute la nostra speranza in Dio e la fiducia nel genere umano”

  

Un piccolo gesto ma di grande vicinanza, che dimostra attenzione verso chi era abituato a partecipare alle attività del coro, ad andare in Chiesa quotidianamente, a chi aspettava Cresime e Comunioni in questo periodo. Da una parte la comprensione dell'insofferenza alle restrizioni che hanno cambiato la quotidianità di molti, dall'altra il continuo invito alla responsabilizzazione.

Un messaggio semplice infine, ma non per questo scontato.