27
Sun, Nov

All'Assemblea di Funivie Pinzolo Spa presentato il progetto della nuova telecabina a 10 posti

Val Rendena
Typography

 

All'Assemblea ordinaria degli azionisti di Funivie Pinzolo Spa grande interesse ha suscitato la presentazione del progetto della nuova telecabina che andrà a sostituire la seggiovia 4 posti che da Prà Rodont raggiunge la sommità del Doss del Sabion. I principi generali che hanno “guidato” la società nella progettazione di questo investimento «riguardano la riqualificazione generale (ambientale e paesaggistica) delle aree, la valorizzazione di presenza naturalistiche e segni geologici, lo sviluppo dell’inserimento architettonico e un progetto che si integri con le progettualità in essere e future».

 

Il nuovo impianto che sarà realizzato nella finestra che va da aprile a novembre 2023, coprirà il dislivello di quasi 600 m per uno sviluppo di 1.650 m, in circa 4 minuti e mezzo ad una velocità di esercizio pari a 6,00 m/s. La portata oraria sarà di 2.800 p/h rispetto agli attuali 1.700 p/h, su comode telecabine panoramiche da 10 posti (con porta sci interno).

 

 

 

Le immagini del rendering a supporto della presentazione mostrano un impianto completamente integrato paesaggisticamente nell’ambiente naturale delle Dolomiti di Brenta, con entrambe le stazioni ipogee: la stazione di valle risulta “incastonata” tra l’attuale stazione di arrivo della telecabina di Pinzolo e il rifugio di Prà Rodont, mentre la stazione di monte si posiziona sull’attuale sedime della seggiovia ma in forma completamente interrata. A monte inoltre troverà spazio una piattaforma servizi destinata, oltre allo sbarco della nuova telecabina, ad accogliere un punto panoramico a sbalzo sulla valle e un angolo culturale di valorizzazione dei tematismi di carattere geologico caratteristici del progetto.

 

 

 

La riqualificazione del rifugio Doss del Sabion sarà coerente con i principi generali del progetto principale e andrà a “dialogare” con il nuovo impianto funiviario e i nuovi spazi della struttura a servizi, sia sui collegamenti orizzontali che verificali.