10
Mon, Aug

Valdaone – Possibile presenza di tre candidati sindaci

Valle del Chiese
Typography

VALLE DI DAONE. Mentre a Borgo Chiese si ha difficoltà a trovare un candidato sindaco, a Storo e Sella Giudicarie si preannnunciano due liste per parte . Né antagonismi né problemi a Pieve di Bono – Prezzo e a Castel Condino, dove i sindaci uscenti (Attilio Maestri e Stefano Bagozzi)sono destinati a succedere a se stessi; a Bondone, invece, si naviga a vista .

Non sarà così nel comune di Valdaone (1.188 abitanti), dove si parla addirittura di ben tre candidati sindaci. Oltre alla attuale sindachessa Ketty Pellizzari ( la cui formazione è in via di perfezionamento e limature), in lizza anche Virginio Bugna, che conta su una buona squadra; un ulteriore polo è in via di gestazione.

Quest'utima formazione ha già un nome, “Lista civica di disturbo propositivo”.

Abbiamo superato ora una prima conta – fa sapere il suo portavoce - si sta verificando un travaso di nomi non facile da gestire, i cui nodi saranno sciolti entro la settimana prossima”.

Al momento, invece, ad esporsi senza ma e senza forse è Virginio Bugna, che alla soglia di 68 anni ha già messo a punto uomini e programmi, con una formazione che conta persone rappresentative operanti nei tre paesi (Daone,Praso e Bersone); presenti anche diverse quote rosa che stanno lavorando sia nel sociale che nel mondo produttivo.

Effettivamente la squadra è quasi al completo, si contano quindici nominativi ben spalmati all'interno dei tre paesi, oltre al mio quale candidato sindaco”.

Bugna non è un principiante: alle spalle vanta già esperienze considerato che a Bersone era stato vice sindaco di Lener Bugna prima della fusione a tre.

Un'esperienza che sicuramente mi ha insegnato molto e dalla quale ho appreso come conoscere i meccanismi ed il funzionamento della macchina amministrativa, ma anche come rapportarmi con la gente, che mi abbia votato o meno. Lezioni che saprò applicare qualora la mia squadra finisse per prevalere”. E conclude: “ Rispetto avversari e antagonisti, ma sento di poter dire che possiamo giocarcela alla pari”.

In foto il municipio di Valdaone e Virginio Bugna