24
Sat, Aug

Coro Azzurro di Strada, ecco il nuovo presidente: Sergio Rota succede a Dino Ceschinelli

Valle del Chiese
Typography

Sergio Rota è il nuovo Presidente del Coro Azzurro di Strada, sodalizio canoro nato quasi settant’anni fa nella piccola frazione di Strada, oggi frazione del Comune di Pieve di Bono-Prezzo.

Nelle settimane scorse infatti, a seguito dell’assemblea generale dei soci, è stato nominato il nuovo direttivo che ha sua volta stabilito le nuove cariche sociali che resteranno in carico per i prossimi cinque anni. 

Dopo vent’anni il presidente uscente Dino Ceschinelli, farmacista nella busa della Pieve, da sempre impegnato nella vita amministrativa e nelle associazioni di volontariato della comunità, ha passato il comando a Sergio Rota, da qualche anno corista e anch’esso volto conosciuto dell’associazionismo locale con un passato, tra l’altro, da Presidente della Banda Musicale di Pieve di Bono ed attuale consigliere di maggioranza del Comune di Pieve di Bono-Prezzo. Il nuovo direttivo presenta diversi volti nuovi. Alla vice-presidenza è stata riconfermata Daniela Mosca, figlia dell’indimenticato fondatore e primo maestro del Coro Basilio Mosca, e da ormai alcuni anni risorsa fondamentale del sodalizio, nominata altresì coordinatore del gruppo. Quattro i nuovo entrati: Niccolò Franceschetti (cassiere), Emilio Galliani, Bruno Gnosini e Maurizio Armani (consiglieri) che andranno ad affiancare Doretta Casagrande (segretaria e responsabile dei corsi per allievi coristi), Danilo Armani (consigliere e vice-maestro) e Cornelio Armani (consigliere di diritto in qualità di maestro) riconfermati dall’assemblea generale. A lasciare la direzione, oltre al Presidente uscente Dino Ceschinelli, diversi volti storici che proseguiranno con la sola attività canora: Pietro Baldracchi, Attilio Maestri, Rudi Beltramolli e Mauro Maestri. 

“Si tratta – ha commentato il Presidente uscente Dino Ceschinelli – di un cambio forte ma che reputo senza dubbio positivo. Lascio in buone mani un grande gruppo. Sono stati vent’anni di grandi soddisfazioni, trasferte e momenti che rimarranno per sempre nel cuore: gli altri anniversari di fondazione festeggiati ad ogni lustro, i numerosi momenti di allegria vissuti con gli amici di Oberhausen e gli impegni che ci hanno visto esibirci su palcoscenici locali, nazionali ed internazionali.” 

“Si tratta – ha commentato il nuovo Presidente Rota – di un cambio generazionale importante. Voglio innanzitutto ringraziare, a nome di tutto il nuovo gruppo, Dino Ceschinelli e i membri storici della direzione che hanno portato avanti in questi anni l’attività. Credo che il nuovo direttivo sia un gruppo ben amalgamato e che potrà lavorare molto bene e con entusiasmo, coniugando la passione per il canto, che costa sacrificio nella preparazione, con quella dei bei momenti di allegria che il gruppo condivide.” 

Quanto al lavoro che aspetta il nuovo presidente ha le idee piuttosto chiare. “Abbiamo deciso – ha proseguito Rota – di dividerci fin da subito i vari compiti. Ci sarà chi gestirà i rapporti con la federazione ed enti pubblici, chi si occuperà dei corsi per allievi, chi della sede e chi invece si farà carico dell’organizzazione dell’attività.” 

Il 2020 sarà per il Coro Azzurro di Strada il settantesimo anniversario ed il rinnovato direttivo è già al lavoro per festeggiare come si deve l’importante ricorrenza. “Per il 2019 – afferma Rota – non abbiamo in previsione grosse iniziative. A fianco dell’importante lavoro con il corso allievi che vede impegnati una decina di promettenti futuri cantori, abbiamo già in programma una trasferta nelle Marche e una in terra tedesca dagli amici di Oberhausen. L’intenzione del direttivo è quello di concentrare le forze sul 2020 anno in cui festeggeremo appunto il settantesimo compleanno.”