01
Tue, Dec

Don Gianluca Leone da Pinzolo a Paganica per la Prima Messa

Pinzolo
Typography

La comunità di Paganica si prepara ad accogliere don Gianluca Leone che da Pinzolo scende in Abruzzo per celebrare la sua Prima Messa nel paese natale del padre. Ordinato il 12 settembre scorso dall’Arcivescovo di Trento Mons. Tisi, il 13 don Gianluca ha celebrato la sua Prima Messa nella Chiesa di San Lorenzo a Pinzolo, con una corale partecipazione di popolo. Una settimana fa ha contattato don Dionisio, il parroco di Paganica, esprimendogli il desiderio di venire ad incontrare la comunità paganichese. Domenica 27 settembre la data concordata. , alle ore 11, celebrerà la santa Messa.

Pur nella ristrettezza dei tempi, la comunità paganichese sta organizzando una festosa accoglienza a don Gianluca, che celebrerà domenica alle 11 la sua prima Messa a Paganica nella Chiesa degli Angeli Custodi. Sarà anche trasmessa in diretta sulla pagina Facebook della Parrocchia di Santa Maria Assunta. Dopo la Messa don Gianluca starà in conviviale nel Centro Pastorale San Giustino, osservate tutte le misure di sicurezza, con una rappresentanza significativa della comunità paganichese. Insieme al padre Loreto, don Gianluca resterà a Paganica 4 giorni per salutare parenti ed amici, rientrando poi in Trentino, a Cles, dove gli è stata affidata la Parrocchia.

Una vocazione adulta quella di don Gianluca: 48 anni, una laurea in Pedagogia poi in Scienze Religiose, ha lavorato nel sociale, poi come docente. Nato a Roma, all’età di 5 anni si trasferì con la famiglia a Pinzolo, dove il papà Loreto andava ad assumere il Comando della Polizia Municipale. Prima d’entrare in seminario Gianluca Leone ha insegnato Religione nelle scuole superiori. Iscritto all’ordine del giornalisti, è stato corrispondente del periodico Vita Trentina e collaboratore dei giornali locali.

Un forte legame unisce da molti anni le comunità di Paganica e Pinzolo. Ne è stato auspice e protagonista Loreto Leone, il papà di don Gianluca, un paganichese che non ha mai reciso i legami con la sua terra d’origine. Si trasferì a Pinzolo alla fine degli anni Settanta, per andarvi ad assumere il comando della Polizia municipale, ad esercitare l’avvocatura e le funzioni di giudice onorario. Stimato da tutti, Loreto Leone ha costruito un ponte di relazioni tra Pinzolo e Paganica, come il gemellaggio tra i due Gruppi Alpini, con frequenti visite tra le due comunità, soprattutto dopo il terremoto del 6 aprile 2009, quando egli dapprima si adoperò perché la Protezione Civile della Provincia di Trento insediasse la sua base logistica a Paganica, poi promosse tra tutti i comuni della Val Rendena l’iniziativa di finanziare la costruzione della Chiesa degli Angeli Custodi e altre iniziative solidali. Ogni anno Loreto torna alcuni giorni a Paganica, per “rigenerarsi”. Come pure ogni anno diversi paganichesi – alpini, sciatori o turisti – raggiungono Pinzolo facendo la sua felicità. In virtù del gemellaggio tra i Gruppi Alpini, sottoscritto nel 2005, tante relazioni d’amicizia sono nate e si sono consolidate tra Paganica e Pinzolo.

Paganica sente quindi gratitudine per questa fraternità con la comunità di Pinzolo. Ha infatti avuto prove commoventi di generosità, dopo il terremoto del 2009. Gli alpini di Pinzolo e della Sezione di Trento furono tra i primi a soccorrere la nostra gente. La Protezione Civile di Trento allestì a Paganica un Campo d’accoglienza modello di efficienza. Non potremo mai dimenticare il loro aiuto, la gentilezza, l’attenzione premurosa verso la popolazione. Li avremo nel cuore per sempre, per quanto hanno fatto per noi, a cominciare dalla Chiesa degli Angeli Custodi, che ci ricorda la generosità degli amici di Pinzolo e della Val Rendena. Il gesto di don Gianluca Leone e suo padre Loreto procura emozioni e commozione nella comunità paganichese. L’accoglienza calorosa vuol essere perciò testimonianza d’affetto e gratitudine verso la famiglia Leone, per quanto ha fatto verso la terra natia, per amore e per orgoglio delle proprie radici.

 

*

Goffredo Palmerini