02
Mon, Aug

Lutto in Val del Chiese: tanta commozione a Darzo per Gino Marini. A Castel Condino l'ultimo saluto a Enrichetta Spada prossima ai 100 anni

Valle del Chiese
Typography

 

DARZO e CASTELLO. Gino Marini sportivamente parlando considerava “gli avversari come colleghi sia dentro che fuori dal campo, erano uomini con maglie diverse ma con intenti identici”.

I funerali di Gino si sono svolti ieri sera - martedì 22 giugno – nella sua Darzo. L'ondotecnico e uomo di riferimento del calcio chiesano è venuto a mancare domenica pomeriggio causa un improvviso malore. Ieri, tra chiesa e sagrato, non solo famigliari, amici, conoscenti ma tanti portacolori in rappresentanza del calcio locale.

All'interno della realtà pallonara biancoceleste Gino era dirigente accompagnatore, ma portava sempre con sé dentro la stessa area tecnica quell'ingombrante borsone utile a garantire soccorsi e prestazioni in caso di infortuni sul campo, sempre con grande professionalità. Lascia l'anziana mamma, un fratello e una sorella.

 

 

Alla cerimonia dalla cantoria il giovane organista e seminarista Filippo Zanetti intona da subito il brano “Eccomi”, poi con l'ausilio del coro parrocchiale è la volta di “Alleluia”, “Io credo”, “In paradiso” e per ultimo “Eterno riposo”.

All'omelia don Andrea Fava, che indossa paramenti di colore viola, parla di un Gino che sapeva amalgamare e trasmettere valori utili, saggi e spontanei. Il sacerdote, nel tracciare il profilo dello scomparso, guarda i famigliari più stretti che occupano il primo banco al fianco della bara chiara. A loro ricorda che l'amato Gino “era sempre positivo, che sapeva esserci e mettersi a disposizione.”

Dentro le stesse navate ai piedi della balaustra tesserati e dirigenti del Calcio Chiese - Nuova Settaurense e dietro ancora alpini e componenti della Pro loco mostrano commozione. Tutti sanno e riconoscono che la presenza di Gino non ci sarà più. Stessa cosa traspare dalle collaboratrici che da anni ogni giorno lo affiancavano dentro il laboratorio di ondotecnico.

Nel contempo dal presbiterio più rappresentanti si alternano per demandare al loro Gino un infinito grazie e un altrettanto buon viaggio. Poi ancora tra un'infinità di applausi “Caro Gino, il tuo sorriso resterà sempre nei nostri cuori”. L'agenzia funeraria B2 è da subito partita alla volta di San Lazzaro di Savena (BO) dove nella stessa serata è avvenuta la cremazione.

 

Un altro lutto in Val del Chiese colpisce la comunità. A distanza di solo un'ora – alle ore 18 - si sono svolte a Castel Condino funzione e sepoltura di Enrichetta Spada. La cerimonia ha visto la presenza dei soli famigliari stretti per dare un ultimo saluto a una nonna di paese, che tra due settimane sarebbe stata festeggiata per i suoi 100 anni.