02
Mon, Aug

Dall'India al Trentino: Emanuele Confortin ospite in Giudicarie con Kinnaur Himalaya

Esteriori
Typography

 

BLEGGIO SUPERIORE. Manca poco all'arrivo di Emanuele Confortin in Giudicarie e più precisamente nelle Esteriori a Larido di Bleggio Superiore dove, nella serata di venerdì 2 luglio dalle ore 20.30, è prevista la proiezione del suo documentario “Kinnaur Himalaya”.

 


 

 

Emanuele Confortin è un giornalista e documentarista indipendente, specializzato nelle regioni dell'Asia meridionale e dell'India. Dopo progetti noti come “Dentro l'esodo, migranti sulla via europea” e “Back to life in Iraq”, porta ora sullo schermo il nuovo documentario “Kinnaur Himalaya” girato dopo studi e permanenza sul campo in una delle regioni più marginali dell'India.

 

Il Kinnaur è infatti un distretto tribale dell'Himalaya situato nel nord dell'India, caratterizzato da una forte tradizione culturale, che specialmente negli ultimi trent'anni ha visto enormi cambiamenti in rapporto a una nuova economia basata sulla coltivazione delle mele, oltre ad altri fattori come l'immigrazione e i cambiamenti climatici. Uno stravolgimento economico, poi culturale e paesaggistico: le stimolanti riprese del documentario – qui l'anteprima – mostrano la gente locale alle prese con quantità industriali di mele, che non possono non rimandare alla stessa realtà trentina. Lì dove oggi sorgono palazzi su palazzi, il grigio del cemento si contrappone al verde delle montagne sullo sfondo; ed ancora il rumore delle nuove attività in contrasto al silenzio di un pastore al pascolo, simbolo delle tradizioni che cercano di sopravvivere.

 

La presentazione del documentario si inserisce in un progetto più ampio e molto particolare. Dagli inizi di giugno 2021 Confortin sta percorrendo un trekking ad anello lungo i sentieri delle Alpi Orientali con partenza ed arrivo a Castelfranco Veneto, suo luogo di origine. 27 tappe in 50 giorni, 6 le Province attraversate per un totale di 1000 km in distanza e 47.000 m di dislivello positivo: ad accompagnarlo con un furgone, come sempre, la moglie Monica Guidolin, antropologa e co-produttrice del documentario.

 

Una tournée stile anni Ottanta, ma con oggetto la presentazione e proiezione ad ogni tappa del documentario, tra il resto premio Mountain Wilderness al Torelló Mountain Film Festival in Spagna. Il 2 luglio arriva al teatro di Larido grazie all'appoggio dell'Associazione Giovane Judicaria che promuove l'evento ed ospita la coppia.

 

La partecipazione alla serata è gratuita con le limitazioni legate alla pandemia. Clicca qui per ulteriori informazioni su Emanuele Confortin e Kinnaur Himalaya.